La storia del quartiere di Montesacro

Nasce nel 1924 con il nome di Città Giardino-Aniene, , per poi assumere la veste ufficiale di quartiere, con il nuovo nome Monte Sacro[3], nel 1951.Costruito sulla base dell'esperienza urbanistica delle città giardino, già sperimentate in altri paesi europei, specialmente in Inghilterra. Nel 1921 Roma aveva avuto la necessità di riorganizzare nuovamente il suo apparato topografico dotandosi di un nuovo Piano Regolatore, dato che il continuo dinamismo edilizio dei primi venti anni del secolo aveva condotto all'invasione di una notevole porzione del Suburbio e della zona a nord est dell'Agro Romano, ad opera, tra l'altro, del consorzio "Città giardino Aniene". Piazza Sempione Il territorio interessato, era quello che insisteva sulla collina di Monte Sacro. Qui l'architetto Gustavo Giovannoni progettò e realizzò, ponendosi per quegli anni indubbiamente all'avanguardia e fuori del Piano Regolatore di Roma, una "Città Giardino", orientata alla tipizzazione della "garden city" d'oltremanica, composta da costruzioni con struttura "a villini" inseriti nel verde, e con servizi indipendenti: scuola, chiesa, ufficio postale, parco pubblico. All'epoca, quest'opera così urbanisticamente rivoluzionaria, fu duramente criticata, e solo a distanza di tempo si poté costatare che quella accusa era assolutamente immeritata. La Città Giardino, comunque, nella sua impostazione originale, resistette meno di trent'anni: già negli anni cinquanta, infatti, numerosi villini furono abbattuti per far posto a palazzi residenziali. Particolarmente interessante è la piazza Sempione, che fa da entrata scenografica al quartiere, e che presenta degli edifici realizzati da Gustavo Giovannoni e Innocenzo Sabbatini. Nella seconda metà degli anni sessanta prese corpo il quartiere contiguo detto "Monte Sacro Alto", oggi più noto come "Talenti". Da ricordare l'attiva partecipazione degli abitanti e degli studenti del quartiere alla Resistenza durante l'occupazione tedesca; uno di essi, Ferdinando Agnini, studente, fu tra le vittime dell'eccidio delle Fosse Ardeatine.